Cover up di un tatuaggio

Un tatuaggio è per sempre? In realtà la risposta è contraddittoria. In linea di massima dovrebbe esserlo, ma si sa che esiste la possibilità di rimuovere un tattoo, ad esempio attraverso la dermoabrasione o le svariate tecniche laser, anche se in rari casi il risultato è una pelle totalmente ripulita. Inoltre, se siete stanchi di un vecchio tatuaggio o ne avete uno eseguito male e volete nasconderlo, esiste una valida alternativa: la cover up.

Cover up di un tatuaggio

Cover up di un tatuaggio: perché si fa

Se avete un tatuaggio, vecchio o nuovo che sia, e non vi piace più oppure si è rovinato con il passare del tempo, o ancora avete avuto la sfortuna di imbattervi in un tatuatore che non è stato in grado di eseguire un lavoro a regola d’arte, siete nella situazione in cui potete scegliere tra: intraprendere il lungo e costoso percorso della rimozione (a volte addirittura pericolosa per la salute), oppure eseguire una cover up.

Tra le due alternative possibili la rimozione del tatuaggio è da prendere in considerazione solo in caso vogliate davvero sbarazzarvi del soggetto o della scritta che avete impressa sul corpo e al contempo desideriate non farvi mai più un tatuaggio; anche se, purtroppo molto spesso, i risultati di una rimozione non sono del tutto soddisfacenti, ovvero è difficile tornare indietro nel tempo e riavere, nella zona tatuata, la pelle liscia e intonsa di prima. In molti casi infatti, indipendentemente dalla tecnica di eliminazione utilizzata, restano aloni (il cosiddetto effetto “ghost”), se non macchie di diversa pigmentazione e addirittura evidenti cicatrici.

Per questo, e anche per il non trascurabile fatto che la rimozione di un tatuaggio ha un costo veramente elevato e richiede varie sedute e diversi mesi di tempo per concludersi, se volete cancellare dalla vostra pelle o meglio dalla vostra vista, quel tatuaggio ormai scomodo (ad esempio il nome di un ex o un soggetto carico di un significato che non vi appartiene più), è opportuno riflettere invece sulla cover up del vostro tatuaggio.

Cos’è la cover up di un tatuaggio

Con il termine cover up si intende la copertura del vecchio tattoo con uno nuovo, che lo nasconderà completamente o quasi; questo dipende da alcuni fattori, in primis dalla competenza e dall’abilità del tatuatore, e in parte dalle dimensioni, dalla colorazione e dalle caratteristiche generali del vostro vecchio tatuaggio.

Parlando di cover up, in un certo senso si parla di un’arte a sé, infatti molti tatuatori sono specializzati proprio nell’esecuzione delle cover up, questo perché, come per la realizzazione di tatuaggi ex novo, per ricoprire un tatuaggio esistente sono necessarie conoscenze ed abilità specifiche, in particolare una grande creatività, obbligatoria per poter trasformare il soggetto di un tattoo in un disegno completamente diverso, che risulti bello e ben eseguito come fosse nuovo, e al contempo riuscire a cancellare completamente tutti i tratti del vecchio.

Se avete intenzione di farvi eseguire una cover up sul vostro vecchio tattoo sappiate che il nuovo soggetto dovrà, per forza di cose, essere di dimensioni maggiori e sufficientemente sfumato e colorato per poter coprire quello esistente. Il risultato finale dipenderà quasi esclusivamente dalle capacità artistiche e tecniche del tatuatore al quale vi rivolgerete; per questo fate molta attenzione, studiate insieme all’artista le varie possibilità in merito al nuovo disegno e prendetevi tutto il tempo necessario per valutare bene tatuatore e nuovo tattoo.

Il nuovo disegno andrà studiato nei minimi dettagli e creato appositamente in base alla forma e al colore del vecchio, in modo che le parti più marcate, scure e piene, del nuovo tattoo riescano a nascondere completamente i tratti di quello esistente. Non si tratta di un’operazione semplice, ma se vi affiderete a mani esperte riuscirete ad ottenere un ottimo risultato di copertura e un bellissimo nuovo tatuaggio.

Costo della cover up di un tatuaggio

Il costo della cover up di un tatuaggio non dovrebbe essere differente da quello di un nuovo tattoo, ma può capitare che con il tempo l’inchiostro del vecchio tatuaggio possa, in alcuni punti, riaffiorare e quindi si renda necessario un ripasso.

6 Commenti

  1. Anonimo
  2. Anonimo
  3. giovanna
  4. Alice
  5. Giovanni Lattanzi
  6. Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *